Tecnologia

Amazon attiva la moneta virtuale: arriva Coins

Amazon lancia Coins, la moneta virtuale per battere la spietata concorrenza

Amazon come tutti sanno è senza alcun dubbio il colosso dello shopping online. Temuto dagli editori di tutto il mondo, tanto che i governi nazionali sono dovuti correre ai ripari per evitare ribassi folli sui prezzi dei libri, capaci di distruggere ogni tipo di concorrenza. Ma oggi Amazon  sembra davvero cambiare passo: lancia una nuova sfida, la moneta virtuale.

Una valuta di proprietà che entrerà in vigore il prossimo mese di maggio per tutti coloro che possiedono un dispositivo della linea Kindle Fire. Il nome? Banale ma efficace: “Coins”. Varrà 1 centesimo di dollaro. Così un’applicazione da 4,99 dollari costerà 499 coins.
L’annuncio di questa nuova mossa è arrivato oggi attraverso un comunicato stampa striminzito che lascia spazio a molti dubbi. «Oggi – è scritto nella nota – annunciamo l’arrivo di Amazon Coins, la nuova moneta virtuale che gli utenti americani potranno utilizzare per l’acquisto di applicazioni, giochi e contenuti in-app sui dispositivi Kindle Fire. Il lancio è previsto per maggio, quando regaleremo Coins per decine di milioni di dollari, da spendere per i download sul nostro store».
Al momento le informazioni in realtà non sono tantissime e non sfugge che progetti molto simili nel recente passato sono stati elaborati da altri competitor. Coins sarà impiegata per comprare applicazioni, giochi, contenuti multimediali ed extra. Fra i primi vantaggi individuati, sicuramente quello di consentire agli utenti di “accumulare” i coins in vari modi. Quasi come una raccolta punti. E per non “terrorizzare” gli acquirenti, la società di Jeff Bezos ha già chiarito che almeno all’inizio sarà possibile continuare a pagare i propri acquisti con carta di credito come avviene oggi.
Sul fronte degli sviluppatori, invece, non cambierà niente. La quota versata da Amazon sugli acquisti effettuati resterà invariata (70% sul totale sborsato dagli utenti). Solo chi sta per lanciare nuove app o giochi deve far attenzione a sottoporre il codice per l’approvazione entro e non oltre il 25 aprile, così da aver garantito il supporto alla nuova moneta virtuale fin da subito. Sulle app e i giochi già online, invece, il passaggio alla nuova moneta virtuale sarà automatico.

Articolo precedente

Anche gli amministratori di condomini fanno i conti con la conservazione digitale

Articolo successivo

A Bolzano il cedolino digitale per gli stipendi

Nessun Commento

Lascia una risposta