Economia

Contribuenti Minimi e beni in comodato d’uso gratuito

Un professionista, appartenente al regime dei minimi può utilizzare in comodato d’uso gratuito un’autoveicolo familiare. Ai fini della possibilità di dedurre i costi sostenuti dal soggetto relativi al bene mobile registrato a uso promiscuo è sufficiente apporre sul contratto di comodato stipulato tra il comodatario e il comodante la data certa. Infatti per dimostrare il titolo giuridico in base al quale il contribuente utilizza un bene altrui, non sussiste l’obbligo di registrazione del contratto di comodato d’uso gratuito. Per attribuire alla concessione gratuita del bene certezza e autenticità é certamente consigliabile l’apposizione della data certa al fine di tutelare la storicità del contratto stesso in caso di eventuali contestazioni.

Articolo precedente

Uscita dal Regimi Minimi e applicazione ritenuta d'acconto

Articolo successivo

Contribuenti minimi e regime ordinario, vincolo triennale

Nessun Commento

Lascia una risposta