Economia

Contribuenti minimi e regime ordinario, vincolo triennale

Nel caso in cui un contribuente abbia aperto la partita iva nel 2012 come consulente aziendale in regime ordinario, pur avendo i requisiti per rientrare nel regime agevolato, come il non superamento della soglia del volume d’affari di € 30.000, e volesse da quest’anno (2014) cambiare sia codice attività che aderire ai regimi dei minimi, può farlo. L’agenzia delle Entrate, con il provvedimento 185820/2011, ha precisato – per i soggetti che hanno iniziato l’attività dal 2008 – che non rileva il regime contabile adottato negli anni precedenti ( contabilità semplificata, contabilità ordinaria, nuove iniziative produttive ), ma é necessario soltanto rispettare il vincolo triennale d’opzione per la tenuta della contabiltità ordinaria. Pertanto, se nel 2012 il contribuente ha optato per la contabilità ordinaria, egli é vincolato a questo regime fino al 31 dicembre 2014. Viceversa, se non ha optato per il regime citato, nel 2014, in presenza dei requisiti di legge richiesti, può entrare nel regime dei nuovi minimi.

Articolo precedente

Contribuenti Minimi e beni in comodato d'uso gratuito

Articolo successivo

Regime minimi e contabilizzazione contributi per l'acquisto di beni strumentali

Nessun Commento

Lascia una risposta