Economia

DUE ALIQUOTE: DA DIPENDENTE E DA LAVORATORE AUTONOMO CONTRIBUENTE MINIMO

Un lavoratore dipendente può iniziare un’attività di lavoro autonomo e applicare, ove ne ricorrano i presupposti normativi, il regime dei superminimi, ex articolo 27 del Dl 98/2011. Il reddito prodotto quale lavoratore autonomo è soggetto a imposta sostitutiva del 5% e non concorre alla formazione del reddito totale del medesimo contribuente, al quale, invece, concorrono gli altri redditi percepiti dal medesimo, quali reddito di lavoro dipendente. In pratica il debito tributario viene liquidato in due modi separati, quello di lavoro autonomo, da superminimo con imposta sostitutiva, e quello complessivo, con l’applicazione delle aliquote Irpef a scaglioni.

Articolo precedente

SOCIO AMMINISTRATORE DI UNA S.R.L IN LIQUIDAZIONE E APERTURA P.IVA CONTRIBUENTE MINIMO

Articolo successivo

Costi deducibili inerenti l'attività del contribuente minimo

Nessun Commento

Lascia una risposta