Tecnologia

I servizi cloud Google cambiano il modo di lavorare delle PMI

Terzo Piano vi accompagna nella nuova realtà lavorativa offerta dai servizi cloud Google

Il bigG di Mountain View è partito dall’ utenza privata  e sempre più cambia rotta dirigendosi nel settore del business.
Negli ultimi periodi, mira la sua attenzione alla piccola e media impresa che si trova spesso in difficoltà nello stare al passo con la nuova tecnologia. I servizi cloud Google sono notevoli.
Già da tempo, infatti, il colosso Californiano ha permesso alle aziende di utilizzare per il proprio business il servizio di
posta elettronica Gmail; è da evidenziare che in questo momento, le condizioni contrattuali prevedono la possibilità di sottoscrivere gratuitamente un’abbonamento fino a 10 utenti per dominio.
Gmail però non è solo un servizio di posta elettronica. Con tutti i servizi cloud messi a disposizione, un’azienda può persino pensare di abbandonare il pacchetto d’ufficio che quotidianamente utilizza.
Un’ulteriore novità che porta Google a godere del primato, è la possibilità di trasferire file di grosse dimensioni tramite posta elettronica. Non solo, fino a questo momento era uno dei pochi servizi email che permetteva di arrivare ad allegati di 25 Mega, ma sconvolgendo tutti, il servizio di storage cloud di Google permetterà di allocare (archiviandoli) file fino a 10 Gb di dimensioni e di condividerne il link con i propri contatti email.
I servizi cloud Google rappresenteranno senz’altro il futuro lavorativo, che inevitabilmente condurrà a sé senz’altro un’utenza sempre più nutrita ed estasiata 

Per ulteriori info: Google Apps for Business e Drive share  up 10Gb

Articolo precedente

Come il decreto sviluppo bis ha disciplinato la startup innovativa

Articolo successivo

Il responsabile della conservazione scalda i motori

1 Commento

  1. […] Terzo Piano continua a tenervi informati sulla evoluzione del Decreto Sviluppo bis che è stato approvato dal Senato con una nuova formulazione e passa alla Camera con alcune novità, nel testo, che riguardano Startup e PMI. […]

Lascia una risposta