Economia

Interessi passivi su mutuo e contribuenti minimi

E’ possibile dedurre gli interessi passivi sul mutuo per un contribuente minimo?

L’Agenzia delle Entrate con la circolare 35/E/2012 chiarisce come le spese per le utenze, relative ad un immobile abitativo ed utilizzato in modo promiscuo per la propria attività professionale, possono essere dedotte nella misura del 50%. Questo aspetto ha valenza anche nel caso in cui il contribuente in questione sia soggetto al regime dei minimi. Le istruzioni relative alla compilazione del Modello Unico prevedono la possibilità di portare in deduzione la quota degli interessi passivi sostenuta nel periodo d’imposta per finanziamenti relativi all’attività professionale svolta. L’indicazione riguarda i contribuenti con regime ordinario ma, in mancanza di una specifica causa di esclusione, si ritiene applicabile anche ai contribuenti che si avvalgono del regime dei minimi. Il costo risulta deducibile nella misura del 50% come già chiarito dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 35/E/2012 (punto 2.2). Il medesimo principio è applicabile anche per la deduzione del tributo Tares, dall’anno 2014, denominato Tari.

Articolo precedente

Come incassare una fattura nel passaggio dal regime dei minimi ad ex minimi?

Articolo successivo

Tax credit per il turismo digitale: un'opportunità da sfruttare

Nessun Commento

Lascia una risposta