Tecnologia

La TV OLED ancora ai nastri di partenza

Terzo Piano è da sempre attenta alle nuove tecnologie. Oggi si parla di Tv Oled

Il mondo delle TV da anni sta attendendo l’esplosione di una nuova tecnologia che dovrebbe straripare a discapito dei monitor LED e PLASMA: la Tv Oled. MA  la notizia non è certo quella che si aspettavano gli appassionati: secondo una società di analisti coreana, la Korea Investment & Securities, Samsung  (il maggior produttore di TV al mondo)  avrebbe rimandato di qualche mese i piani per la produzione di massa della Tv Oled.
L’analisi è stata fatta analizzando gli ordini di macchinari e materie prime per le fabbriche OLED di Samsung Display, la neonata società Samsung che si occupa di produrre gli schermi per tutte le divisioni. Secondo la Korea Investment & Securities, Samsung avrebbe rivisto i suoi piani per venire incontro alle enormi esigenze di un mercato, quello mobile, sicuramente più redditizio e competitivo di quello delle TV. E lo ha fatto dirottando gli investimenti previsti per le linee 8G, quelle destinate alle TV, ad una nuova area della fabbrica A2 denominata A2E: in quest’area inizieranno la produzione dei pannelli OLED flessibili e dei nuovi pannelli OLED ad alta definizione con pattern RGB e non pentile, presumibilmente gli schermi da 1920 x 1080 che vedremo montati sui prossimi smartphone top di gamma e sui prossimi tablet.
La linea di produzione delle TV subirà un ritardo di circa 6 mesi: nella prima parte dell’anno ci sarà una fase di riscaldamento con la produzione di circa 8.000 pannelli e solo alla fine del 2013 (anche inizio 2014) partirà la vera produzione di massa con 24.000 pannelli al mese.
Samsung sicuramente porterà l’OLED a Las Vegas, e il 55” che abbiamo già visto sarà in vendita nel corso del prossimo anno anche se per la Tv Oled a prezzi accessibili l’appuntamento è inevitabilmente rimandato.

Articolo precedente

Wind a braccetto con Google per la comunicazione business

Articolo successivo

Il domicilio fiscale si trasforma in una pec

Nessun Commento

Lascia una risposta