Social

Periscope: la nuova app di Twitter

Che cos’è Periscope? “Volevamo costruire la cosa più vicina al teletrasporto”, hanno detto i fondatori della app. Ed in effetti con Periscope possiamo essere sulle strade di New York, ad una partita di calcio, dietro le quinte di uno show, in ufficio, ad una lezione universitaria.

Negli ultimi giorni se ne sente parlare ovunque, questo perché essenzialmente si tratta della nuova app acquistata da Twitter. Periscope permette ad ognuno di noi di trasformarsi in broadcaster e trasmettere in diretta le proprie riprese video ai follower.

L’applicazione è attualmente disponibile sullo store di Apple, mentre per Android arriverà a breve. All’applicazione si accede appunto passando da Twitter, abilitando l’accesso a fotocamera, microfono e, volendo, geolocalizzazione. Possiamo inoltre settare la privacy del video, e decidere se renderlo disponibile per le successive 24 ore o se cancellarlo una volta finita la diretta. Per aumentare la portata del video ovviamente è possibile inviare in automatico un tweet per avvisare i propri follower che la diretta è iniziata.

Gli utenti che seguono una diretta possono interagire toccando il display per dimostrare il loro apprezzamento sotto forma di cuoricini, oppure commentando. Il broadcaster a sua volta può aggiungere nuovi follower controllando tra coloro che stanno seguendo la sua diretta. Attualmente i video possono essere girati solamente in verticale, al contrario di quello che solitamente ci viene più naturale fare, cioè filmare orizzontalmente.

Come sarà sfruttato Periscope?

Si tratta di una moda passeggera o di un app che rivoluzionerà la comunicazione? Al momento nessun video è passato alla storia, abbiamo assistito essenzialmente a persone comuni che riprendono la loro vita quotidiana. Ma potrebbe questa app avere delle grandi potenzialità? Potrebbe essere una nuova frontiera per il social journalism, anche se non si tratta dell’unico strumento che permette di fare questo, oppure un nuovo ed efficace strumento di marketing per le aziende più innovative e attente. Non è uno strumento rivoluzionario in sé per sé, ma la sua forza probabilmente sta nell’essere stato acquistato e quindi essere parte integrante di uno dei social network più importanti, il social network che ha fatto del racconto live il suo punto di forza.

Voi cosa ne pensate? Periscope sarà una meteora o qualcosa di più?

 

Articolo precedente

Facebook Blueprint: impara ad ottimizzare le tue campagne

Articolo successivo

Questo è l'articolo più recente.

Nessun Commento

Lascia una risposta