Economia

SOCIO AMMINISTRATORE DI UNA S.R.L IN LIQUIDAZIONE E APERTURA P.IVA CONTRIBUENTE MINIMO

Per poter accedere al regime dei minimi è necessario non aver svolto nei tre anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata. Pertanto il socio che, in qualità di amministratore, comunque non abbia prestato nessuna opera o servizio all’interno della S.r.l. non è precluso l’accesso al regime dei minimi anche qualora detenga partecipazioni in una S.r.l. non trasparente (fermi restando gli altri requisiti richiesti dalla norma). Nel caso in cui il socio sia amministratore e svolga un’ attività di gestione all’interno della società, allo stesso è precluso l’accesso al regime dei minimi nell’ eventualità in cui la nuova attività venga intrapresa prima che sia decorso un triennio dalla cessazione dell’attività svolta all’interno della S.r.l. Il triennio dovrebbe essere calcolato a partire dalla data di cessazione della precedente attività d’impresa e non dalla data di messa in liquidazione.

Articolo precedente

COLLABORATORE FAMILIARE DI UN'IMPRESA INDIVIDUALE ARTIGIANA E NUOVA ATTIVITA' DA PROFESSIONISTA COME CONTRIBUENTE MINIMO: LA PARTITA IVA PUÒ ESSERE SOLAMENTE UNA

Articolo successivo

DUE ALIQUOTE: DA DIPENDENTE E DA LAVORATORE AUTONOMO CONTRIBUENTE MINIMO

Nessun Commento

Lascia una risposta