Economia

Uscita dal Regimi Minimi e applicazione ritenuta d’acconto

Un professionista, nel regime dei minimi, emette fattura a fine anno senza ritenuta d’acconto.
L’incasso della parcella avviene nel gennaio dell’anno successivo, anno in cui il contribuente adotta il regime ordinario.
Il professionista che esce dal regime dei minimi applica comunque il principio di cassa, per cui la fattura emessa a fine anno, (anno di appartenenza al regime dei minimi), se viene incassata l’anno successivo rientra nel regime ordinario. Ciò comporta che il committente debba essere a conoscenza del fatto che il contribuente abbia dismesso il regime dei minimi, e conseguentemente sussistano le condizioni per l’applicazione della ritenuta d’acconto. La modalità di tale comunicazione non risulta vincolante: importante che il committente -impresa o professionista- rispetti l’obbligo di applicazione della ritenuta d’acconto.

Articolo precedente

Cambio di inquadramento, no conseguenze per il regime dei minimi

Articolo successivo

Contribuenti Minimi e beni in comodato d'uso gratuito

Nessun Commento

Lascia una risposta